skip to Main Content

Tra i difetti che più incidono sull’estetica dentale ci sono i diastemi, o spazi tra i denti che si presentano come una piccola (o ampia, a seconda dei casi) riga nera tra due denti, nella maggior parte dei casi tra gli incisivi. I diastemi rompono l’armonia del nostro sorriso in un modo piuttosto netto, portandoci persino a sorridere meno, ad aprire la bocca con timidezza e a bloccare la nostra spontaneità nel rapporto con gli altri.
In presenza di un diastema occorre risolvere il problema con trattamenti conservativi e non invasivi.

Che cos’è un diastema dentale (o spazio tra i denti)?

Il diastema dentale è uno spazio evidente tra due denti contigui, solitamente gli incisivi superiori.
A volte viene chiamato “finestra” e ed è tipico dei bambini. La maggior parte delle volte tende a risolversi con la sostituzione dei denti da latte con quelli definitivi.

In alcuni casi il diastema dentale permane anche in età adulta, provocando persino un disagio psicologico, con mancanza di autostima, imbarazzo soprattutto quando si sorride e in alcuni casi anche difetti o difficoltà nella pronuncia di alcuni suoni.

Nella maggioranza dei casi, il diastema tra i denti è un problema solo estetico, che raramente porta a problematiche di tipo funzionale.
Per correggere questo difetto si  ricorre a un intervento conservativo non invasivo, che si avvale delle migliori tecnologie per mantenere il dente originale e risolvere il problema estetico.

Perché un diastema può compromettere l’aspetto del sorriso?

Il sorriso si presenta come un nostro biglietto da visita efficace e immediato e, nel caso di alcune particolari professioni in cui conta molto la comunicazione, viene considerato fondamentale per il rapporto con gli altri. Per questo è importante curare i nostri denti e ricercare l’armonia e l’equilibrio estetico del sorriso.

Esistono quindi dei parametri per valutare l’aspetto estetico di un sorriso. Tra questi la forma e il colore dei denti, la simmetria e la distanza rispetto a labbra e gengive.
Per queste ragioni anche il diastema rientra in quei difetti (estetici) che compromettono l’armonia e la simmetria dell’arcata dentale.
È importante quindi affidarsi a un esperto di estetica dentale per intervenire – nei casi in cui sia possibile – in modo non invasivo su questo problema e ottenere un sorriso naturale ed equilibrato. Un sorriso migliore rafforzerà la sicurezza in sé e permetterà di avere maggiore disinvoltura nelle relazioni sociali e a lavoro.

Quali sono le cause dello spazio tra i denti (diastema)?

In caso di diastema prima di intervenire è necessario individuare le cause che hanno portato alla creazione di questo spazio tra i denti.
Di seguito sono elencate le più frequenti:

  • Una sproporzione tra la dimensione della mascella e quella dei denti. Infatti nel caso in cui la lunghezza dell’arcata dentaria sia eccessivamente lunga e i denti siano molto piccoli, questi non riescono a occupare tutto lo spazio disponibile e tendono quindi a creare uno o più spazi vuoti tra l’uno e l’altro, dando così origine a una sorta di “fessura”, antiestetica, il diastema appunto.
  • La presenza di cisti dentali follicolari o radicolari, che impediscono quindi ai denti di stare vicini tra di loro.
  • Lo scarso o mancato sviluppo degli incisivi laterali, che normalmente impediscono il contatto tra denti contigui.
  • La spinta della lingua verso gli incisivi, superiori e/o inferiori, che causa lo spostamento dei denti provocando la creazione di spazi vuoti tra un dente e l’altro
  • Nei bambini piccoli si ritiene che la causa principale sia dovuta alla cattiva abitudine di succhiarsi il pollice ma, come detto prima, il problema tende a risolversi con la sostituzione dei denti da latte con quelli permanenti.

Quali sono i trattamenti e le cure possibili per i diastemi?

I trattamenti e/o le cure da adottare per curare i diastemi sono scelti in base alla gravità dello spazio tra i denti, all’età del paziente e alla presenza di altri fattori che possono contribuire a un’arcata dentale non sana o esteticamente spiacevole, oltre alle valutazioni che faremo in studio.
Ecco quali sono i principali trattamenti:

  • Trattamento con faccette in ceramica o porcellana: per questo trattamento si utilizzano faccette in ceramica che vengono applicate direttamente sulla superficie dentale per colmare le fessure e rendere il sorriso nuovamente naturale.
  • Metodo conservativo non invasivo: quando possibile, l’intervento deve essere non invasivo e il dente originale preservato nella maniera migliore.
    Il risultato sarà un intervento invisibile e un sorriso impeccabile e naturale.
  • Trattamento ortodontico: l’utilizzo di un apposito apparecchio per il diastema, che sia fisso o mobile, da portare in un periodo tra i 6 mesi ai due anni. Questo rimedio risulta efficace soprattutto nei giovani pazienti.
  • Impianto dentale: è la soluzione più drastica e invasiva e viene utilizzata solo nei casi estremi in cui la dentatura sia particolarmente compromessa. È un intervento esclusivamente eseguito su adulti e spesso viene preceduto da un trattamento ortodontico, che crea lo spazio ottimale per l’inserimento dell’impianto.


I vantaggi del trattamento conservativo e non invasivo

Esistono quindi diverse soluzioni alla problematica del diastema dentale. Nei casi più gravi si può ricorrere a quelle più estreme e invasive, ma la soluzione migliore per la maggior parte dei casi è un trattamento di estetica dentale conservativo, invisibile e non invasivo. Questo per migliorare il sorriso dei pazienti rispettando il più possibile i denti originali e perché, tra gli aspetti che più preoccupano chi soffre di spazio tra i denti, troviamo solitamente la paura del dolore e il timore che l’intervento stesso possa essere dannoso o avere effetti collaterali.

L’odontoiatria estetica interviene sui problemi degli spazi dentali con trattamenti non invasivi che si traducono in una soluzione invisibile e una bocca e un sorriso dall’aspetto piacevole. Grazie alle tecnologie moderne e avanzate oggi è possibile fare interventi mirati e molto efficaci che preservino il più possibile il dente originale, correggendo il difetto specifico anziché coprirlo, che vada a cogliere e poi correggere i difetti e riequilibrare l’armonia della bocca.
Il risultato finale, ottenuto con metodi conservativi e non invasivi, è quindi quello di un sorriso perfetto ma allo stesso tempo naturale e discreto.

Risolvere il problema dello spazio tra i denti: alcuni casi di esempio

Il problema: grave diastema superiore; gravi usure dello smalto anteriore nel gruppo superiore.
La soluzione: ricostruzione dello smalto mancante e additional sull’arcata superiore per chiudere il diastema.

Carie denti sventagliatiotturazioni estetiche frontali

Il problema: carie multiple, denti sventagliati e sorriso non armonico.
La soluzione: sbiancamento, otturazioni estetiche al gruppo frontale.

Il problema: incisivi piccoli con grave diastema (spazio tra i denti)
La soluzione: rimodellamento e adddictionals sugli incisivi.
Il problema: mancanza dei lateriali; denti troppo distanziati e macchiati.
La soluzione: sbiancamento e addictionals su tutto il gruppo incisivo.
Sbiancamento denti gialli
Il problema: denti separati, colore giallo.
La soluzione: additionals e sbiancamento.
Sbiancamento e riparazione
Il problema: smalto usurato e ingrigito, diastema fra gli incisivi.
La soluzione: sbiancamento, riparazione dello smalto e chiusura del diastema.